closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

I salvatori del «giardino boscoso» del Buon Pastore

Torino. Il comune ha messo in vendita l’area. L’allarme degli occupanti del Prinz Eugen

La natura può riprendersi i suoi spazi anche in un ambiente ostile come il centro urbano di una grande città. Tra case e cemento. Al confine tra il centro di Torino e i quartieri di San Donato e Valdocco sorge, infatti, uno spazio «selvaggio» che pochi conoscono, deantropizzato da 45 anni. Si tratta del «giardino boscoso» del Buon Pastore, istituto religioso aperto nel 1844 e chiuso nel 1977. Con lo scioglimento dell’ex Ipab, il sito è diventato di proprietà del Comune di Torino, che però l’ha messo in vendita, con una variazione della destinazione d’uso, che imponeva, invece, un vincolo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.