closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

I rivoluzionari di Suez

Reportage. In Egitto, tra gli operai protagonisti di scioperi e lotte. Che oggi, dopo la repressione, e con i leader sindacali in carcere, sono terrorizzati

Murales e lavoratori in Egitto

Murales e lavoratori in Egitto

Suez è una città di soldati e lavoratori. Eppure dal giorno del colpo di stato militare del 3 luglio 2013, qui si respira l’aria dell’anarchia. Anche il sospetto verso gli stranieri sembra infinito: secondo i militari, nessun occidentale dovrebbe conoscere i segreti del Canale, nazionalizzato dall’ex presidente Gamal Abdel Nasser nel 1956. E così, la polizia ci ferma all’ingresso di Port Tawfiq, immenso molo civile, da dove partono i traghetti per i pellegrinaggi per La Mecca. Un poliziotto si specchia in un vetro minuscolo mentre ci interroga. In lontananza, pescatori a strascico fanno incetta di pesci tropicali venduti a basso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.