closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I rider cinesi si mobilitano dopo l’arresto del «leader»

Asia . Con l’accusa di «aver creato problemi» la polizia ha messo in carcere Chen Guojiang. Il fattorino usava i social per denunciare lo sfruttamento delle piattaforme

Rider in Cina

Rider in Cina

«Leader dell’alleanza dei rider». È il nome altisonante di un account social gestito da Chen Guojiang, fattorino per il colosso del food delivery cinese Ele.me. Con indosso la divisa da lavoro, si riprende mentre cammina per le strade di Pechino e intervista i gruppi di altri rider appollaiati sui motorini con cui consegnano i pasti. TUTTO CIÒ CHE PUBBLICA sull’account Weibo, una sorta di Twitter cinese, affronta in maniera diretta i problemi endemici del settore. Chen non perde occasione di denunciare a gran voce lo sfruttamento sistematico dei rider in nome del profitto e, soprattutto, l’incapacità del sindacato di negoziare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.