closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I ricordi in bianco e nero di Goffredo Fofi

Torino Film Festival. Il documentario «Suole di vento» di Felice Pesoli, conversazione tra cinema e politica

Immagine d'archivio da «Suole di vento» di Felice Pesoli

Immagine d'archivio da «Suole di vento» di Felice Pesoli

Due sono stati i grandi registi amati da Goffredo Fofi: Luis Buñuel e Fritz Lang. Entrambi incontrati con sua grande soddisfazione. Nel documentario di Felice Pesoli Suole di vento, presentato al Torino Film Festival, scopriamo un aspetto poco noto sia di Fofi che di Buñuel, proprio legato al loro incontro. C’è una frase paradossale del regista, ripresa un’infinità di volte, Woody Allen compreso, «sono ateo grazie a Dio». Per questo acquista un sapore totalmente bizzarro l’incontro tra Goffredo e Luis. Ora bisogna sapere che Fofi, come molti ragazzini italiani, da bimbo serviva messa con grande devozione e sacrificio, alzandosi all’alba...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi