closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I «reduci» del cinema dopo un anno di buio

Tutti a casa. Ancora nessuna riapertura all’orizzonte, mentre i ristori non fanno differenze fra realtà diverse

Continua il silenzio sul fronte dei luoghi della cultura: oltre ai ringraziamenti di rito della categoria al nuovo presidente Mario Draghi per le parole e gli impegni dedicati al «patrimonio che definisce la nostra identità», e alla combattività di chi ha tutto da perdere – e tantissimo ha già perduto – e cioè i lavoratori dello spettacolo dalle maschere alle maestranze (che manifestano il 23 febbraio), la ripartenza di cinema e teatri sembra uscita dall’orizzonte degli interessi nazionali. È di ieri la notizia che l’Anec auspica una riapertura in primavera affidando tutte le sue «speranze» al piano vaccinale. Certo questo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.