closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

I punti deboli del sistema nucleare in Belgio

La scelta atomica. Quel furto di «Iridio 192» nello scorso novembre, di proprietà di una ditta turca. Come obiettivo numerosi centri di ricerca

La centrale nucleare di Doel, in Belgio

La centrale nucleare di Doel, in Belgio

Il Belgio è un paese fortemente nuclearizzato rispetto al suo territorio e la notizia di un ipotetico attentato alle sue centrali nucleari è di quelle che fanno paura, ma potrebbe risultare mal indirizzata. Gli impianti in questione (4 unità a Doel, sulla foce della Schelda; 3 unità a Tihange sulla Mosa, non lontano dal confine tedesco) sono stati recentemente coinvolti in incidenti di una certa gravità. Nel 2012 erano state fermate l’unità 3 di Doel e l’unità 2 di Tihange per sospette fessurazioni del vessel (il recipiente che contiene il nocciolo di uranio). Nel 2015 poi, un’altra unità di Tihange...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.