closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

I predicatori della Costituzione in viaggio nelle carceri italiane

Giustizia. Parte da Rebibbia, il tour di lezioni ai detenuti dei giudici della Corte costituzionale

Una cella del III raggio del carcere di San Vittore

Una cella del III raggio del carcere di San Vittore

Un «frammento di Costituzione» da spiegare in ogni carcere. Con questo obiettivo, e in occasione delle celebrazioni del settantennale della Carta Costituzionale (entrata in vigore il 1 gennaio 1948), i giudici della Corte escono nuovamente dallo splendido Palazzo della Consulta e tornano a cercare il contatto con la società italiana. Dopo il viaggio nelle scuole cominciato lo scorso anno, è ora la volta delle carceri. [caption id="attachment_333026" align="alignleft" width="256"] Il presidente della Corte costituzionale Giorgio Lattanzi[/caption] Perché, come ha spiegato ieri il presidente della Corte Giorgio Lattanzi, «la Costituzione è uno scudo, che protegge soprattutto chi non ha potere». E...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.