closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

I personaggi trafitti di Maxim Biller nell’Europa del secondo dopoguerra

NARRATIVA. Il rapporto tra ebrei e tedeschi nel nuovo romanzo dell’autore praghese

Avevamo lasciato i personaggi di Maxim Biller mentre nelle ultime pagine di Biografie, il suo avvincente romanzo pubblicato nel 2017, camminavano per le viuzze di Buczacz, lo shtetl galiziano nel quale erano nati i loro progenitori e, nell’ottobre del 1943, la comunità ebraica era stata sterminata dalle SS. Spinti dalla necessità di approfondire la conoscenza delle proprie radici, vi si erano recati e avevano scoperto ben presto quanto la visita di quei luoghi li avesse profondamente impressionati rendendoli assai più consapevoli della propria storia e cultura. È uno dei temi sui quali Biller, che è nato a Praga nel 1960...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.