closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

I nuovi schiavi di Buckingham Palace

Precari. In Gran Bretagna si diffonde il lavoro a chiamata: riguarda un milione di persone, alcune al servizio della corona. Si chiama contratto «a zero ore»: dai l’esclusiva e lavori (e sei pagato) solo quando serve

La torta a otto piani allestita nella galleria dei ritratti di Buckingham Palace, a Londra, per il matrimonio di William e Kate (era l'aprile del 2011)

La torta a otto piani allestita nella galleria dei ritratti di Buckingham Palace, a Londra, per il matrimonio di William e Kate (era l'aprile del 2011)

La principessa Diana ha conquistato l’amore universale finanziando l’assistenza a poveri, tossici e disoccupati. Oggi la sua fama è stata oscurata da un’inchiesta del Sunday People. Turning Point, una delle associazioni da lei prediletta, che nel 1985 elesse i figlioli William e Harry a regali protettori, questa estate ha licenziato 2.927 lavoratori per assumerne 351 con un «contratto a zero ore». «Zero ore» significa che i lavoratori devono essere reperibili in ogni momento dall’azienda che deve soddisfare una commessa. Turning Point li usa per servire pranzo e cena alle mense dei poveri, per garantire l’assistenza ai tossicodipendenti o ai malati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.