closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I millennial neri 17 volte più poveri di quelli bianchi

Stati Uniti. Lo studio della Federal Reserve: le famiglie bianche dei nati negli anni ’80 gode di 88mila dollari l’anno, le afroamericane di 5mila. Tra le cause c'è lo sbalorditivo debito contratto per proseguire l’università, chiesto dall’87% degli studenti neri contro il 60% dei bianchi. Ed è maggiore, in media, di 7.400 dollari

La crisi a New York

La crisi a New York

La Federal Reserve ha pubblicato un’analisi riguardante i divari di ricchezza tra i millennial più anziani, nati negli anni ’80: se il bilancio complessivo sembrerebbe essere positivo perché si registra un restringimento del gap economico tra questa generazione e quella precedente, il rapporto mostra anche che nel 2019 le famiglie millennial bianche potevano contare su una ricchezza media di 88mila dollari, quattro volte quella delle famiglie ispaniche (22mila dollari) e più di 17 volte la ricchezza media delle famiglie millennial nere (5mila dollari). MENTRE LE FAMIGLIE bianche e ispaniche hanno visto un miglioramento nella produzione di ricchezza e nello stile...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.