closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

I migranti sulla nave Diciotti rifiutano il cibo per protesta: «Ora vogliamo scendere»

Fronte giudiziario. Le procure lavorano ai capi di imputazione, il reato potrebbe cambiare in sequestro a scopo di coazione

Protesta della Cgil al porto di Catania

Protesta della Cgil al porto di Catania

Si allungano i tempi per una soluzione politica del caso Diciotti: il briefing tra gli sherpa al dipartimento esteri di Bruxelles, spacciato per vertice dal governo Conte, è stato un flop. Così la nave della guardia costiera rimane ormeggiata nel porto di Catania, con i 150 migranti costretti a restare a bordo in condizioni sempre più difficili mentre il governo prosegue lo scontro verbale con Bruxelles, che da parte sua mostra indifferenza alle minacce che arrivano da Roma, come quella di Luigi Di Maio sul blocco dei 20 miliardi di contributi italiani all’Ue, ridimensionata poi dal collega degli esteri Enzo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.