closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

I limiti vanno assaltati

Saggi. Nuova traduzione di uno spaccato novecentesco: «I morti. Discorso sulle tre guerre mondiali» di Günther Anders per Medusa edizioni

Günther Anders

Günther Anders

È solo negli ultimi anni che l’attenzione editoriale e culturale si è concentrata sulla figura di Günther Anders (1902-1992), autore tedesco che – per sua esplicita vocazione – si è sempre posto ai margini dei dibattiti accademici, percorrendo con ostinazione una «via eccentrica». Allievo poco ortodosso della scuola fenomenologica di Husserl e Heidegger, e del neokantiano Cassirer, marito (per alcuni anni decisivi) di Hannah Arendt, vicino ma con riserva alla scuola di Francoforte e, durante l’esilio americano, alla cosiddetta «Altra Germania», Anders è un intellettuale «di frontiera», ben difficilmente incasellabile. Dai filosofi sistematici considerato troppo letterario, dai letterati troppo politico,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.