closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I graffiti proibiti di Tehran

Cinema. Il cineasta Keywan Karimi rischia una condanna a sei anni e 223 frustate. Sotto accusa il suo film, «Writing on the City» , la storia della Repubblica islamica attraverso i murales. Oggi il processo.

Mentre leggete queste righe, il cineasta iraniano di origini curde Keywan Karimi affronta i suoi accusatori. Saprà se la sua condanna a 223 frustate e sei anni di prigione sarà definitiva. La sua colpa? Il film Writing on the City: un notevolissimo documentario realizzato utilizzando esclusivamente materiali di repertorio che attraverso i graffiti dei muri di Tehran racconta le numerose trasformazioni della Repubblica islamica negli anni che dal 1979 vanno alla rielezione di Mahmoud Ahmadinejad nel 2009.       L’odissea giudiziaria di Karimi parte da lontano. Il 14 dicembre 2013, la polizia irrompe a casa sua, sequestra il materiale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.