closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

I giorni del candombe

Storie. S’inaugura oggi a Montevideo, al suono delle «percussioni nere», il carnevale più lungo del mondo, eredità di una musica e di una danza che segnavano gli spazi di resistenza della comunità afrouruguayana. Un eversivo emblema di convivenza che il razzismo e le élite economiche hanno provato invano a spazzare via

Pedro Figari, «Candombe de carnaval»

Pedro Figari, «Candombe de carnaval»

Il 3 dicembre 1978 i tamburi neri di Montevideo suonarono per l’ultima volta. Centinaia di uruguaiani dalla pelle nera, con i loro vicini di casa provenienti da ogni parte d’Europa, sfilarono per le strade della capitale del più piccolo paese d’America Latina in segno di lutto, danzando il candombe, come appreso dai propri avi sbarcati in catene a partire dal 1680. Il conventillo di Risso dell’antica calle Cuareim, nel popolare barrio Sur di Montevideo, dal 1885 principale simbolo della cultura afrouruguaiana, immagine di un paese nato dall’importazione forzata di schiavi, risultato di problematiche convivenze ma anche di straordinari episodi di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.