closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I giochi proibiti della giovane borghesia

Al cinema. Ppresentato in anteprima alla Mostra di Pesaro 2013 è ora nelle sale la commedia tinta di noir di Stefano Tummolini L'estate sta finendo

una scena de L'estate sta finendo

una scena de L'estate sta finendo

L’estate sta finendo sintetizza sotto forma di commedia il concetto del «son diventato grande, lo sai che non mi va» o, come dice il regista, la difficoltà di assumersi le proprie responsabilità. Dopo il suo esordio Un altro pianeta, messa in scena originale, scanzonata e imprevedibile di una giornata sulla spiaggia di Ostia, nel suo secondo film affronta più di una sfida: più facile infatti distillare la comicità dall’ambiente proletario e anche un po’ coatto del primo film, ben più arduo districarsi con la borghesia, il nemico principale è il cinismo che può diventare insopportabile. Tanto più se la commedia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi