closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I «frammenti» di studenti e insegnanti nelle videocamere della didattica a distanza

Controcampo 2020. Sorveglianza e giudizio ai tempi della pandemia. C’è chi rimane in tuta e pigiama e chi studia le luci, la «messinscena» delle lezioni

L’inquadratura del volto o del mezzo busto su sfondo più o meno domestico realizzata dalla videocamera integrata di pc, tablet o smartphone è ormai una delle forme estetiche familiari del nostro quotidiano in questo anno pandemico. Sono immagini visibili tanto da chi le riceve quanto da chi le produce. Ci si guarda mentre si è guardati, ci si sorveglia mentre si è sorvegliati come in uno specchio bifronte. «Gli specchi farebbero bene a riflettere prima di rinviare un’immagine», ammonivano J.L. Godard e A.M. Miéville citando Cocteau in 50x2, sguardo critico su un centenario del cinema che celebrava lo sfruttamento commerciale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi