closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

I due italiani rapiti da predoni

Libia. Non sono stati i miliziani dell’Isis a catturare Danilo Calonego, Bruno Cacace e Frank Boccia, che il governo di Ottawa sembra affidare ai negoziatori italiani

Non sono in mano ai tagliagole dell’Isis, i due tecnici italiani rapiti due giorni fa sulla strada alle porte dell’oasi di Ghat, in Libia: Danilo Calonego e Bruno Cacace. Almeno non sono gli uomini di Daesh ad averli catturati. A questa constatazione ci si arriva per deduzione - nel Fezzan, come confermano fonti algerine all’agenzia italiana Nova – non sono mai stati segnalati uomini di Daesh. Di Al Qaida nel Magreb islamico sì, ma non dell’Isis. Poi ci sono le dichiarazioni di fonti locali, a cominciare dai notabili della città-oasi. Il sindaco di Ghat, Mohammed Qumani Saleh, ha detto ieri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi