closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

I danni collaterali di liste bloccate e voto congiunto

Legge elettorale. Quando i soggetti politici sono destrutturati o evanescenti, il voto rimane come il momento della verità, unico effettivo strumento di selezione del ceto politico. È dunque essenziale consentire a chi vota la scelta libera del proprio rappresentante. Preferenza e voto disgiunto avrebbero realizzato tale obiettivo

Intorno alle candidature infuriano polemiche, diffide, intimazioni a dimettersi, minacce di querela. In larga parte, sono i danni collaterali di una pessima legge elettorale, voluta ad ogni costo da apprendisti stregoni con arrogante sicumera, o stupidità politica. Il Pd e il centrosinistra hanno preso un colpo diretto. La quota di collegi maggioritari uninominali consegna al centrodestra un sostanzioso vantaggio, grazie alla posizione di forza della Lega nel Nord. Un distacco che a due settimane dal voto si mostra probabilmente incolmabile, togliendo anche peso al richiamo del voto utile per il Pd. Certo, il centrodestra deve rimanere unito. Ma Berlusconi e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi