closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I corpi prodigiosi di Sasha Waltz

Opera. La grande coreografa riscrive l'opera «Dido & Aeneas» di Henry Purcell con creatività. In scena appare anche una piscina calata dal cielo sul palco

Una questione di cuore. In tutti i sensi. L’incursione di Sasha Waltz sul palcoscenico del Teatro dell’Opera poche settimane fa, con Dido & Aeneas di Henry Purcell di cui firma coreografia e regia, è stato un vero colpo al cuore, per il pubblico (diverso da quello abituale del Costanzi) che ha esaurito la sala ad ogni replica. Cambiando le coordinate secondo cui un’opera si ascolta e si guarda in teatro, mostrando strade nuove di approccio a una composizione (anche se non in senso assoluto). Portando ad una partecipazione alla lirica di fatto diversa da quella abituale. Pina Bausch aveva già...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi