closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

I conti non tornano, caccia al tesoro offshore della famiglia lombarda

Chiudere tutti gli stabilimenti della Riva Acciai è stato «un atto dovuto», affermano dalla società. Eppure, i calcoli non tornano. Perché l’operazione della Guardia di Finanza, ha portato al sequestro di beni immobili per un valore di oltre 456 milioni di euro, di azioni e quote societarie per circa 415 milioni di euro, e disponibilità finanziarie per appena 45 milioni di euro. Ora, credere che una società come la Riva Acciai venga messa in ginocchio perché perde bene immobili e azioni finanziarie è quanto meno discutibile. Del resto, del miliardo e duecento milioni che le fiamme gialle avevano sequestrato nei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi