closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I centri antiviolenza e la non innocente avarizia di certe regioni

Habemus Corpus. La Lombardia pretende che venga fornito loro il codice fiscale delle donne che chiedono aiuto

Quando un uomo picchia, maltratta, umilia, ricatta economicamente una donna non siamo soltanto davanti a un reato, ma a un comportamento che nasce dal potere che una persona si dà su un’altra. Nel 1986 nacque a Milano il primo centro antiviolenza italiano, (Cadmi, Casa delle donne maltrattate). Furono le donne a prendere in mano la situazione inventando un modello di aiuto che negli anni ha affiancato 30mila donne nel difficile percorso di ricostruzione di sé. Quella pratica femminista ha dato risultati e fatto scuola fino a ispirare la nascita di una rete di centri antiviolenza (finora 82) che oggi aderiscono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.