closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

I braccialetti Amazon riaprono lo scontro sui danni del Jobs Act

Il caso. Per M5S e LeU i controlli a distanza sono frutto della legge voluta dal Pd. Il governo si difende: «Varate regole a tutela della privacy». L’azienda: «I nostri mezzi tecnologici migliorano le condizioni di lavoro dei dipendenti»

Al lavoro tra gli scaffali della Amazon

Al lavoro tra gli scaffali della Amazon

Il caso dei braccialetti Amazon a un mese dalle elezioni ha fatto esplodere la polemica politica. L’opposizione, dai Cinquestelle a Liberi e Uguali, accusa il governo e il Pd di essere responsabili del nuovo strumento proposto dalla multinazionale Usa delle spedizioni: sarebbe stato il Jobs Act a permettere l’utilizzo di mezzi di telecontrollo dei dipendenti prima vietati dallo Statuto dei lavoratori. Il partito guidato da Matteo Renzi e l’esecutivo si difendono, affermando che le nuove norme non hanno liberalizzato i controlli a distanza, ma anzi hanno introdotto garanzie per la privacy. IL GRUPPO DI SEATTLE, spiegando che si tratta ancora...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi