closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I 750 Patrick Zaki e i mille Giulio Regeni del regime egiziano

Egitto. Lo studente scrive alla famiglia: «Non sto bene». La sua prigionia rinnovata insieme a quella di centinaia di detenuti: in 12 ore discussi 750 casi, 62 imputati all'ora. Un nuovo rapporto svela: 1.058 morti in carcere dal 2013, anno del golpe di al-Sisi

Patrick Zaki

Patrick Zaki

«Spero stiate tutti bene». Così Patrick Zaki ha iniziato l’ultima lettera alla sua famiglia, scritta con una penna blu su un foglio a righe. L’ha scritta dal carcere di Tora, quello in cui il regime detiene i prigionieri politici in condizioni difficili da immaginare. È datata 12 dicembre, ieri. La famiglia l’ha ricevuta (insieme a una precedente lettera del 22 novembre) durante una visita e l’ha resa pubblica tramite la pagina Facebook «Patrick Libero», che la accompagna a una nuova richiesta di rilascio. «LE ULTIME DECISIONI sono deludenti e come al solito senza un motivo comprensibile. Ho ancora problemi alla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi