closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I 7 punti della pace russa: Assad non c’è

Siria. Mosca avrebbe redatto un piano di pace senza il presidente siriano e poi invita opposizioni e governo a negoziare in Russia. La fretta di Putin dettata dalla volontà di uscire vincente dalla crisi

Il presidente siriano Assad al Cremlino con Putin

Il presidente siriano Assad al Cremlino con Putin

Mosca ha fretta e potrebbe scaricare Assad. Vuole chiudere la questione siriana il prima possibile, vista l’inattesa lentezza della controffensiva governativa a nord-ovest. Una fretta racchiusa in sette punti, un piano di pace che dovrebbe essere al centro del nuovo round di negoziati, il 13 novembre a Ginevra. A riportare la notizia erano ieri il sito arabo indipendente al-Bawaba e dal turco Anadolu, citando la Gazeta russa. I 7 punti si fondano – dice l’ufficio stampa del governo russo – sulla formula “nessun vincitore, nessun perdente”: cessate il fuoco e stop al rifornimento di armi alle opposizioni siriane; negoziati tra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi