closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

I 15 euro infiammano Landini

Fiat. Anche per il leader Fiom l’offerta è «inaccettabile». A Fim e Uilm: «Marciamo uniti». Il capo delle tute blu Cgil propone agli altri due sindacati di fare assemblee insieme. Uilm: «Se proprio ci tiene, firmi il nostro contratto»

Il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini

Il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini

E se la Fiat ha offerto un misero aumento di 15 euro lordi, la Fiom non resta a guardare: anzi, vorrebbe impostare una nuova trattativa, con ben altre cifre. Il segretario Maurizio Landini, escluso dal tavolo del rinnovo con Cisl, Uil, Ugl e Fismic, ieri ha improvvisamente ripreso spazio grazie alla rottura del negoziato con l’azienda. Il quartetto aveva definito «inaccettabile» l’offerta, e ha annunciato lo stop delle flessibilità. Anche per Landini l’offerta Fiat è «inaccettabile»: «Al di là del fatto che Fiat ha offerto solo 15 euro lordi al mese di una tantum, quello che sta succedendo è che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi