closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Hugh Masekela, world in un soffio di flicorno

Live. Il settantaseienne artista di scena a piazza San Carlo. Al grattacielo Intesa brilla l'ottetto di Steve Lehman, fra suoni di riceca e incalzanti improvvisazioni

Steve Lehman, sotto Hugh Masekela

Steve Lehman, sotto Hugh Masekela

Un po’ certo anche per risparmiare il fiato di settantaseienne, e prendere tempo prima di imboccare di nuovo lo strumento, ma Hugh Masekela ama molto parlare col pubblico. In novembre, al Blue Note di Milano, in duo con al piano Larry Willis, un amico dai tempi, il ’60, in cui frequentavano assieme la Manhattan School of Music, raccontava dei suoi primi entusiasmanti incontri di giovane jazzman espatriato dal Sudafrica dell’apartheid: Miles, Coltrane, Monk, Mingus, Ellington, la Fitzgerald... i suoi idoli. Lui voleva suonare bop, ma Monk e il suo mentore Harry Belafonte gli raccomandavano di fare qualcosa di più africano....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.