closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Henning Brockhaus si perde nel labirinto di «Don Carlos»

Musica. Michele Mariotti dirige l'opera verdiana, ma l'allestimento non convince. Grande la performance di Maria Josè Siri

Maria Josè Siri e Veronica Simeoni

Maria Josè Siri e Veronica Simeoni

Al Teatro Comunale di Bologna è andata in scena l’opera più grande di Giuseppe Verdi: Don Carlos. Grande nel senso che si tratta di un grand opéra composto per l’Opéra di Parigi. Grande perché il cantiere della sua stesura resta aperto dal 1865 al 1886, periodo in cui Verdi apre e chiude altri cantieri (Simon Boccanegra, La forza del destino, Aida, Requiem, Otello), dando vita a un work in progress assai permeabile. Grande perché si tratta della sua partitura più estesa, una vera e propria opera-mondo che conta quattro trame sovrapposte: quella storica, quella politica, quella religiosa, quella sentimentale. Grande...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.