closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Happy New Ears

Improvvisi. Che cosa si ascolta quando si ascolta la musica? Una domanda forse ingenua, oziosa, retorica. Insomma, con ogni probabilità, una proverbiale unanswered question...

Roberto Cuoghi,  «Untitled», 2003

Roberto Cuoghi, «Untitled», 2003

Che cosa si ascolta quando si ascolta la musica? Una domanda forse ingenua, oziosa, retorica. Insomma, con ogni probabilità, una proverbiale unanswered question. Eppure è un interrogativo che ci poniamo, forse senza saperlo, ogni qual volta ci accingiamo, più o meno volontariamente, all’esercizio dell’ascolto. Se ascoltiamo una sinfonia di Mahler o una cantata sacra di Bach abbiamo infatti la percezione olistica di un oggetto sonoro che si muove nel tempo (Edgard Varèse diceva anche nello spazio…), ma in realtà quell’oggetto non è un monolite, bensì un prisma dotato di tante facce quante sono le dimensioni del suono: la melodia, l’armonia,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi