closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Hansel e Gretel 2.0

Al cinema. In «The Visit» il regista del «Sesto senso» utilizza lo stile finto doc alla «Blair Witch Project» per raccontare i disagi di una famiglia disfunzionale

Dai tempi gloriosi di Il sesto senso, Unbreakable e Signs, quando gli studios facevano a botte per lavorare con lui, e dopo che la sua love story con l’industria si è conclusa con un flop di troppo, Lady in the Water, e l’infelice idea di autorizzare un libro su quell’esperienza, Man Who Heard Voices, M. Night Shyamalan esiste in uno strano purgatorio del cinema hollywoodiano, inspiegabilmente esiliato tra film per bambini più belli di quello che sembrano (L’ultimo dominatore dell’aria), le grinfie di Will Smith e famiglia (lo stranissimo After Earth) e una serie Tv (Wayward Pines) che non è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.