closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Hambach, una prima vittoria degli attivisti

Germania. Tre anni dopo lo sgombero, la sentenza, non definitiva, del tribunale di Colonia dà ragione agli ambientalisti

L’abbattimento delle case sugli alberi nella foresta di Hambach

L’abbattimento delle case sugli alberi nella foresta di Hambach

La distruzione delle case sugli alberi degli ambientalisti nella foresta di Hambach è stata «un’azione illegale». Tre anni dopo lo sgombero degli 86 presidi costruiti dagli attivisti per protestare contro il disboscamento dell’area a beneficio dell’espansione della vicina miniera di carbone arriva la prima sentenza del tribunale di Colonia. In particolare i giudici hanno certificato che la violazione delle norme sulla sicurezza antincendio - la scusa all’epoca utilizzata dalla polizia - era solamente «un pretesto per impedire agli ambientalisti di fermare l’abbattimento della foresta». Alla base della decisione la denuncia di un abitante delle case sugli alberi, convinto che il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.