closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Haiti sospende Oxfam Gran Bretagna, avanti le altre

Scandalo prostituzione. Prosegue, oltre alle indagini, il lavoro delle sezioni di Spagna, Quebec e Italia a favore della popolazione

In seguito allo scandalo e alle accuse di sfruttamento della prostituzione piovute su alcuni importanti membri del suo staff, la sezione britannica dell’organizzazione benefica internazionale Oxfam non potrà svolgere attività a Haiti per un periodo di almeno due mesi, in attesa dei risultati dell'inchiesta condotta dalle autorità britanniche sui presunti abusi sessuali commessi negli anni successivi al terremoto del 2010. Lo ha annunciato ieri il governo haitiano per bocca del ministro Aviol Fleurant, che sovrintende alle attività delle organizzazioni internazionali di beneficenza. Continuerà invece il lavoro delle altre tre sezioni di Oxfam presenti nel paese, Oxfam Spagna, Oxfam Quebec e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi