closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Haiti da otto settimane dietro le barricate: «Moïse vattene»

Mobilitazione permanente. Dilaga la protesta, insieme alla povertà e alle violenze, ma il presidente non ha intenzione di dimettersi e gli Usa non lo scaricano per mancanza di sostituti affidabili. Nelle strade già 42 i morti, secondo l’Onu. Le sinistre sul piede di guerra. E gli Usa che faranno?

Port au Prince, Haiti, anche medici e infermieri scendono in piazza per chiedere le dimissioni del governo di Jovenel Moïse

Port au Prince, Haiti, anche medici e infermieri scendono in piazza per chiedere le dimissioni del governo di Jovenel Moïse

Nel silenzio pressoché completo della comunità internazionale, la rivolta del popolo haitiano è entrata lunedì nell'ottava settimana consecutiva di proteste contro il governo di Jovenel Moïse, durante le quali hanno già perso la vita, secondo le stime dell'Onu, 42 persone, benché fonti locali parlino in realtà di decine di morti al giorno e di una violenza divenuta incontrollabile. MA È ADDIRITTURA DALL'ESTATE del 2018 che, tra interruzioni e riprese, i discendenti degli schiavi neri a cui si deve la creazione della prima Repubblica libera del continente sono sul piede di guerra. Allora, nel luglio del 2018, la popolazione era insorta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.