closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Hai bisogno di curarti? In Italia devi pagare

Salute di classe. Gli italiani sono costretti a scegliere le prestazioni sanitarie da fare subito a pagamento e quelle da rinviare oppure non fare. Ormai il 41,3% dei cittadini paga di tasca propria per intero le visite specialistiche a causa dell'aumento dei ticket che ha sfiorato i 3 miliardi di euro nel 2013

«Non mi curo perché non ho soldi». Accade in Italia dove per il Censis sono sempre di più gli italiani che pagano di tasca propria i servizi sanitari che il pubblico non garantisce più. Secondo la ricerca Rbm Salute-Censis, presentata ieri a Roma inoccasione del quarto «Welfare Day», il caso più clamoroso è quello del dentista. Tra il 2005 e il 2012 gli studi privati hanno visto crollare il numero delle cure a pagamento. Una realtà già emersa alcuni mesi fa quando da Palermo è arrivata la notizia secondo la quale una ragazza di 18 anni sarebbe morta a causa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi