closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Haftar bombarda Tripoli, 300 i morti dall’inizio dell’offensiva

Guerra in Libia. Serraj: «È strage», civili evacuati. E l’inviato Onu Salamè «sdogana» il generale della Cirenaica

Migranti sfollati dalle zone di guerra e riuniti nel centro di detenzione di Zawiya, a ovest di Tripoli

Migranti sfollati dalle zone di guerra e riuniti nel centro di detenzione di Zawiya, a ovest di Tripoli

Sui social e sui siti degli opposti fronti che si combattono a Tripoli rimbalzavano ieri due immagini. La prima, sui profili delle milizie che fanno capo al premier Serraj, ritrae Salah Badi, comandante che ha già affrontato le truppe di Haftar nel 2014, ma che è anche iscritto nella lista americana dei criminali di guerra per stragi di civili «indiscriminate». In foto e video si vede Salah Badi, pochi capelli bianchi e fisico corpulento, in visita ai giovani miliziani al fronte per dare indicazioni e rinforzare gli animi. La seconda foto significativa, sui siti del fronte opposto, mostra il generale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.