closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Habitat», in un film testimonianza la fine della speranza all’Aquila

Torino. La storia, raccontata nel corso di cinque anni, di tre amici che si rifiutano di lasciare la città

«Guidiamo, guidiamo, guidiamo. Noi, abitanti dell'Aquila, passiamo il nostro tempo percorrendo spazi isolati. E guidiamo. Anche solo per raggiungere le macerie». Dalle new town del progetto C.a.s.e, voluto da Berlusconi, alla «vecchia» città ci sono almeno 14 chilometri. Abitare all’Aquila dopo il terremoto significa essere imbrigliati nel tempo. «Qui, il passato è più passato. Il presente è più presente, senza uno ieri e senza un domani» spiega Emiliano Dante, regista aquilano, autore di «Habitat – note personali» presentato ieri in anteprima al Torino Film Festival, all'interno del concorso Italiana.doc. Un film duro, forte, emotivo, vero, con un bianco e nero...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.