closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Guerra dell’acqua a Roma tra Regione, Acea e Campidoglio

Roma brucia. Il governatore Zingaretti chiude i rubinetti del lago di Bracciano. E la capitale a fine mese dovrà iniziare il razionamento idrico

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti

Altro che nasoni e fontanelle da serrare. La crisi dell’acqua romana si fa drammatica. Dal 109 dopo Cristo l’acquedotto di Traiano porta l’acqua dal lago di Bracciano all’antica Roma. Provarono a interrompere il flusso i goti e gli ostrogoti durante i loro assedi all’impero decadente. Ai giorni nostri, le falde del bacino vulcanico a nord della capitale sono la risorsa estrema, dopo quella principale del Peschiera. Lo specchio d’acqua di Bracciano è la fonte utilizzata per le emergenze idriche. Qui entra in scena Acea, azienda partecipata al 51% dal comune di Roma che gestisce l’acqua, che preleva circa 1.200 litri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.