closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Guatemala, 34 anni di impunità

L'assalto all'ambasciata di Spagna nella capitale guatemalteca. Il 31 gennaio 1980 l'esercito bruciò vive 37 persone

Il 31 gennaio del 1980, provenienti da varie zone di El Quiché, insieme ad alcuni studenti, operai e rappresentanti della chiesta cristiana di base occuparono pacificamente l’ambasciata di Spagna a Città del Guatemala. Gruppi sociali in contatto con l’ Ejercito Guerrillero de los Pobres che intendevano richiamare l’attenzione sull’insopportabile situazione subita dalle popolazioni indigene dell’altipiano: sui massacri commessi dall’esercito guatemalteco agli ordini del generale Fernando Romeo Lucas Garcia, al potere nel paese dal 1978 all’82. Maximo Cajal, ambasciatore spagnolo di stanza in Guatemala, cercò di mediare tra gli occupanti e i funzionari guatemaltechi, sollecitando invano che le forze di polizia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.