closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Grünbein, frutta, cemento, profughi, le nostre eccedenze

Poesia engagée. Due libri di versi del poeta tedesco: «Schiuma di quanti», dove domina l’idea di un soggetto in transito nello spazio, iperreale e postumo, da Einaudi. E «Il bosco bianco», dove l’umanesimo si stravolge in un fascismo 2.0: da Mimesis

Wolfgang Tillmans, «Goccia di carta», 2012

Wolfgang Tillmans, «Goccia di carta», 2012

Figlio della Germania orientale, nato nei primi anni Sessanta in una Dresda ancora segnata dai bombardamenti del secondo conflitto, enfant prodige nella scrittura della riunificazione, Durs Grünbein non ha mai smesso di produrre versi e prosa e, specie a partire dagli anni Zero del nuovo millennio, le sue opere si sono incalzate a getto continuo, con andamento torrenziale, mentre il conferimento di prestigiosi premi e riconoscimenti ne ha fatto un autentico «poeta laureato», conteso da università e istituzioni culturali. Alla fine degli anni Novanta le sue raccolte poetiche approdarono da Einaudi, magistralmente rese da Anna Maria Carpi, in una linea...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi