closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Grecia-Ue, muro contro muro su pensioni e lavoro

Negoziato all'ultimo round. Tedeschi ad alzo zero. Schäuble: «Atene firmi le offerte europee». Gabriel (Spd): «Basta promesse di un governo comunista»

Il presidente della Commissione europea Juncker

Il presidente della Commissione europea Juncker

Il capo della Bundesbank Weidmann ripete che per la Grecia «il tempo sta finendo» e a suo giudizio «stanno aumentando le probabilità che non si raggiunga un accordo». Parole quasi identiche a quelle del portavoce del superministro Schauble, Martin Jaeger: «Il tempo è poco, tocca esclusivamente alla parte greca andare incontro alla generosa offerta delle tre istituzioni». L’offensiva tedesca è a tutto campo, rafforzata dal commissario Oettinger, che dice papale papale di prepararsi al 1 luglio, quando i negoziati saranno falliti. Parole, queste ultime, che hanno infastidito non poco Juncker e gli altri membri dell’eurocommissione. Anche il capo dell'Spd Sigmar...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi