closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Grecia: gli Usa premono per un accordo

G7 di Dresda. Jack Lew: "accelerare il negoziato per evitare il Grexident". Washington spinge gli europei a trovare una soluzione per Atene: "un errore di calcolo potrebbe portare a una crisi potenzialmente molto dannosa" per l'economia mondiale. Per Atene il tempo è quasi scaduto, ma si profila un accordo in extremis

Le pressioni degli Stati uniti sull’Europa per trovare una soluzione alla questione greca ed evitare un Grexident, un “incidente” non programmato, sono forse sul punto di ottenere un risultato. Ieri a Dresda, al G7 che riunisce fino a venerdi’ i ministri delle finanze delle sette nazioni più industrializzate e i governatori delle banche centrali, compreso Mario Draghi della Bce, era in preparazione un testo di accordo tra i creditori e la Grecia. Atene deve rimborsare 302,5 milioni all’Fmi entro il 5 giugno. Resta poco più di una settimana per questa scadenza, poi incombono i prossimi appuntamenti: il 12, il 16...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.