closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Grant Wood, modernità del regionalista

Grant Wood al Whitney Museum di New York, a cura di Barbara Haskell. La mostra sul pittore dello Iowa cerca di ricondurre la sua opera, segnata dalla rivincita del Village nei confronti della City, in un canone «progressista», sotto forma di astrazione e di ordine. Ciononostante è difficile sottrarsi alla fantasia che venga celebrato il Paese degli elettori di Donald Trump...

Grant Wood,

Grant Wood, "Spring Turning", Reynolda House Museum of American Art, Winston-Salem, North Carolina

Strano destino quello di Grant Wood, se ne si compulsa l’intricata fortuna bibliografica oggi che una retrospettiva affollatissima sceglie di rileggere la sua parabola creativa, occupando il quinto piano del Whitney Museum in un contrappunto efficace con la scelta delle collezioni permanenti operata da David Breslin sotto al titolo An Incomplete History of Protest (già commentata su queste pagine). Un’altra monografica consacrata alla sua riscoperta – dopo gli eventi dedicatigli in vita o in morte – venne infatti inaugurata nel 1983 su progetto di Wanda M. Corn, trascorso un biennio dall’insediamento di Ronald Reagan come presidente degli Stati Uniti, mentre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi