closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Gran Bretagna, Uber cede ai giudici e assume come dipendenti 70 mila autisti

Il caso. La storica decisione della multinazionale statunitense, obbligata da una sentenza della Corte suprema britannica, cambierà molte cose nella "gig economy" a cominciare dall'Italia dove il settore delle consegne a domicilio in bicicletta è obbligato a rispondere alla procura di Milano che chiede l'assunzione di 60 mila rider e il pagamento di una multa da 733 milioni di euro

"Giustizia per gli autisti di Uber": manifestazione dopo la sentenza della corte suprema britannica

Quello che accadrà in Italia, dove la procura di Milano ha notificato alle aziende che fanno consegne a domicilio di assumere 60 mila rider (e pagare una multa da 733 milioni di euro) è già accaduto l’altro ieri in Inghilterra con Uber. L’azienda che gestisce un’applicazione di servizio-vettura-più-autista (ride-hailing) è stata costretta ad assumere 70 mila autisti dopo una sentenza definitiva della Corte suprema britannica. Sono i magistrati ad avere imposto da subito il riconoscimento dello status di dipendenti che, pur mantenendo il diritto di scegliere quando lavorare, riceveranno il salario orario minimo, il pagamento delle ferie, le tutele per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.