closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Governo, regioni e sistema di voto: gli squilibri sono tre

Tre nodi costituzionali vengono, in queste ore, al pettine, intrecciandosi pericolosamente l’uno all’altro. Il primo nodo è rappresentato dalla verticalizzazione della forma di governo e, al suo interno, del potere esecutivo. Sempre più, nell’ultimo quarto di secolo, il governo è andato identificandosi nella figura del presidente del Consiglio, alimentando una distorsione del sistema parlamentare arrivata a tollerare il nome del candidato premier nei simboli elettorali. Come se fossimo in un regime presidenziale. Dal Silvio Berlusconi «unto del Signore» del 1994 al Giuseppe Conte «avvocato del popolo» del 2018 la parola d’ordine è sempre la stessa: «Direttismo», il modo in cui...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi