closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Governo palestinese, Netanyahu condanna gli Usa

Israele/Territori Occupati. Il premier e i ministri israeliani puntano l'indice contro Washington che lunedì si è detta pronta a collaborare con l'esecutivo nato dalla riconciliazione Fatah-Hamas. Soddisfazione in casa palestinese per la presa di posizione americana

Il giuramento dei nuovi ministri palestinesi

Il giuramento dei nuovi ministri palestinesi

Come Beppe Grillo anche Benyamin Netanyahu ha dovuto ingurgitare una pastiglia di Maalox per spegnere il bruciore di stomaco che lo ha colpito lunedì sera quando la sempre ben pettinata portavoce del Dipartimento di stato Usa, Jennifer Psaki, ha annunciato che «Alla luce di ciò che sappiamo, lavoreremo con questo governo palestinese». Il premier israeliano piuttosto avrebbe dovuto usare del ghiaccio per la sua guancia rossa e gonfia. Perchè l’altra sera ha ricevuto dall’Amministrazione americana una bella sberla. Washington si è allineata alla posizione dell’Europa e vede il nuovo esecutivo palestinese per quello che è: un governo tecnico appoggiato dall’esterno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.