closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Governo in difesa su Alitalia, anche Giovannini in difficoltà

Tempesta sui cieli. Il via libera dell'Ue a nuovi aiuti di Stato per 4 miliardi di euro ad Air France è benzina sul fuoco della vertenza. Pagati gli stipendi di marzo, ma in Parlamento il ministro dei trasporti non dà molte speranze: "La compagnia era già in difficoltà prima della pandemia, bisogna immaginare soluzioni che riducano al minimo i disagi per i lavoratori". Che anche oggi vanno avanti con le proteste di piazza.

Il ministro dei trasporti Enrico Giovannini

Il ministro dei trasporti Enrico Giovannini

Il via libera dell'Unione europea a nuovi aiuti di Stato per 4 miliardi di euro ad Air France da parte del governo francese, che diventa primo azionista della compagnia con il 29,9% del capitale, è benzina sul fuoco della vertenza Alitalia. Le proteste degli 11mila addetti dell'ex compagnia di bandiera sono quasi quotidiane. E non è di consolazione l'annuncio dei commissari straordinari del pagamento del restante 50% degli stipendi di marzo. Anche perché le parole del ministro Giovannini, prima a RaiNews24 e poi al question time a Montecitorio, non disperdono la nebbia sul futuro dell'azienda. “Stiamo chiedendo in queste ore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.