closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Google a Pechino: il mercato cinese val bene una censura

Cina. Google starebbe concordando con la dirigenza cinese un'app già censurata. Ma Mountain View, dopo lo strappo del 2010, è tornata in Cina già da tempo, concentrandosi sull'intelligenza artificiale, l'attuale motore dell'innovazione made in China

Google sarebbe pronto a tornare in Cina, dopo la «cacciata» del 2010. E lo farebbe con una app per Android «già censurata» di comune accordo con Pechino. La notizia è stata resa nota da «The Intercept», il magazine che con gli articoli di Glenn Greenwald rivelò al mondo il Datagate; secondo le fonti e i documenti in possesso del sito, Google starebbe dialogando con i funzionari cinesi per introdurre una app di ricerca per smartphone, già filtrata sulla base delle richieste del partito comunista. Il progetto si chiama «Dragonfly», sarebbe in lavorazione da tempo e potrebbe vedere la luce già...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.