closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Gomorra», una fiaba nera tra i conflitti contemporanei

Matteo Garrone. Il regista raccona la «new edition» del film in onda su Raitre

«Gomorra è un film che mi ha segnato la vita. È il frutto di una serie di circostanze uniche e irripetibili. Cerco sempre di mantenere quell’incoscienza iniziale e di esplorare nuovi territori pur mantenendo il mio sguardo e la mia visione». Incontro su zoom, Matteo Garrone sorride parlando di quel suo film dal libro di Roberto Saviano (co-sceneggiatore insieme allo stesso Garrone e a Maurizio Braucci, Ugo Chiti, Massimo Gaudioso) che nel 2008 oltre a reinventare un «genere» ha segnato un passaggio importante nel suo universo filmico. E che venerdì 16 verrà riproposto su Raitre - da ieri è disponibile...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi