closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Golpe dei militari in Myanmar. Aung San Suu Kyi agli arresti

Interrotto il processo democratico. Dopo l’esito elettorale sfavorevole. La scusa per il colpo di mano le presunte «irregolarità»

Militari per le strade birmane

Militari per le strade birmane

Alle 8 di ieri sera è scattato il coprifuoco nel Paese delle pagode che inizia la prima settimana di febbraio sotto lo stato di emergenza. Alle 4 del mattino di ieri infatti, i militari birmani sono usciti dalle baracche con mezzi blindati e carri armati che già da settimana scorsa avevano iniziato - avvisaglia di quanto sarebbe successo poi alla fine del week end - a presidiare l'aeroporto, la zona settentrionale di Yangon e la capitale Naypyidaw, dove ieri si sarebbe dovuto tenere l’insediamento ufficiale del nuovo Parlamento uscito dal voto dell’8 novembre. MA È PROPRIO QUEL VOTO, che aveva...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi