closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Gol o sommosse? Brasile 2014, non è qui la festa

Reportage. Strade disadorne e gente indaffarata, a Rio è una giornata di pioggia. E il clima intorno alla seleção non è dei migliori. Se non fosse per chi ancora protesta in strada, che il Mondiale della Fifa e degli sprechi sta per iniziare neanche ti accorgeresti

Brasilia, durante  le proteste anti-Mundial  e anti-governo  delle comunità indios

Brasilia, durante le proteste anti-Mundial e anti-governo delle comunità indios

«Guarda lì, guarda. Niente» dice il mototassista indicando un viale alberato di Lapa, centro di Rio de Janeiro. Non c’è niente. Non ci sono i festoni verdeoro, le bandiere alle finestre, i graffiti beneauguranti con i faccioni dei [/V_INIZIO]craques della Nazionale brasiliana. Meno di due settimane al mondiale e nella cidade maravilhosa è un giorno piovoso, reso più caotico del solito dallo sciopero illegale degli autisti di autobus. Quattro anni fa, di questi tempi, era il Sudafrica ad aspettare l’allegro circo del calcio mondiale, ma per le strade di Lapa «la bagunça, il macello lo potevi già sentire». Ma soprattutto,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi