closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Godot secondo Scaparro

A teatro. In un crepuscolare clima circense è ambientato l'allestimento del regista del classico di Beckett

scena da Aspettando Godot, regia di Maurizio Scaparro

scena da Aspettando Godot, regia di Maurizio Scaparro

Difficile portare sul palco Beckett, quando lo si affronta c’è sempre il rischio della «bocciatura» da parte degli eredi che pretendono che come Samuel lo scrisse, così il testo deve essere recitato. Per fortuna non mancano le sorprese. L’ultima la firma Maurizio Scaparro. Che, al suo primo allestimento di Aspettando Godot, smonta l’ingombrante «istituzione» godottiana e ne riduce l’impalcatura filosofica, simbolo di incomunicabilità e alienazione, a puro meccanismo teatrale. Ricomposto in un crepuscolare clima circense, da avanspettacolo metafisico, Godot finisce per essere un simpatico compagno di viaggio. Del quale quasi subito ci si dimentica. E poco ci importa chi sia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.